1 Lettere e confessioni – “Ho fatto sesso con l’amico di mio marito…”

Buongiorno Educatore , sono una signora 35enne ,sposata da dieci anni , con una bambina di otto anni ,una vita felice e piena di soddisfazioni e amore , fino a questa estate .

Parto dall’inizio, mio marito 40 anni a cui voglio molto bene e amo,era già qualche anno che mi chiedeva di trasgredire: “Perché non facciamo qualcosa di diverso, meno monotono che ci ravviva il rapporto e la nostra sessualità che negli ultimi anni è diventata ripetitiva ,noiosa e si è raffreddata ? ” Solea ripetermi. Sapevo dove voleva andare a parare con quel discorso,perché mi parlava spesso per non dire quasi sempre,anche quando facevamo l’amore di una sua fantasia , di farlo in tre. Io lui e un altro,un suo amico. Mi ero sempre rifiutata di fare una simile cosa , per principio , morale , educazione ,e si anche per motivi religiosi essendo cattolica semi praticante.

Avendone già parlato con lui e sapendo che non sarei mai andata con uno sconosciuto , cambiò tattica. Invece di insistere di andare con un altro, hai miei rifiuti continuava a dirmi che gli sarebbe piaciuto fare sesso a tre ,dicendomi che aveva anche individuato un suo amico con cui farlo , una persona seria pulita , sana ,di bell’aspetto e anche lui sposato e con figli e quindi una persona sicura , e affidabile come diceva lui.

Inizialmente pensavo che questa sua fantasia fosse uno scherzo,che volesse mettermi alla prova di fedeltà, ma poi ha cominciato a chiedermelo con sempre maggiore insistenza,a parlarmi del suo amico ,che era un bel tipo ,una persona arrivata nel suo lavoro e che si conoscevano da tanti anni perché erano stati compagni di Università e tante altre cose . Sinceramente non ho mai pensato di poter andare a letto con tutti e due. Assolutamente. Questo non era il mio genere di cose, non ero il tipo di donna per fare queste porcherie.

Tuttavia, lui continuava a chiedermelo e a parlarmene con il sorriso sulle labbra. Nelle nostre discussioni gli chiesi anche: ” Ma non sei geloso? Non ti crea problemi far accoppiare tua moglie , la madre dei tuoi figli con un tuo amico?” Rispondeva con il sorriso e sicuro di se: “No perché è solo una trasgressione e tu mi ami , è solo un gioco, uno svago , un divertimento a cui partecipiamo entrambi, lo fanno migliaia di coppie e possiamo almeno una volta provare a farlo noi. Sarà una esperienza, non dovremo continuare a farlo sempre ,ma solo provare.”

Quello oramai era il suo chiodo fisso. A volte ai miei rifiuti mi teneva il muso tutto il giorno , in altri , non ci faceva caso e tornava alla carica,continuando a domandarmi un rapporto sessuale a tre: ”Vedrai che quando proverai, piacerà anche a te !”Ripeteva.

Una sera che la bambina era a letto e noi eravamo a vedere la Tv in salotto , alla sua ennesima richiesta decisi di metterlo alla prova,per vedere se realmente aveva il coraggio di avere un rapporto a tre e farmi andare a letto con un altro uomo anche se era un suo amico .E gli dissi esasperata:” Va bene , presentamelo!” Perchè mi sembrava talmente assurdo quello che proponeva, ma non lo avessi mai fatta quella richiesta! Quella sera acconsentii a fare l’amore come voleva lui, giocando a pensare al suo amico e devo dire che fu eccitante.

Me lo presentò alcuni giorni dopo incontrandoci ( lui disse casualmente ,ma no ci credetti ) davanti al centro commerciale della nostra città, dove lo vidi di persona e lo conobbi. L’incontro fu indifferente e disinteressato da parte mia,la discussione fu tra loro due , dai vecchi incontri ai nuovi progetti ,alle famiglie , ai figli . Io ascoltavo in silenzio ,mentre lui spesso mi sorrideva e io ricambiavo con un sorriso di cortesia e circostanza spento. Non era niente di speciale il suo amico , anzi se devo dire la verità come persona non mi piaceva , non era assolutamente il mio tipo. Era solo,simpatico, ma non mi interessava .

Tornati a casa mio marito mi chiese :” Che ne pensi? Ti piace?” “No!” Risposi subito più per reazione che per convinzione. ”Assolutamente , non mi piace e non mi va! Se lo faccio è solo per te che ti amo e non per lui.” Precisai.

“Vedrai che quando lo faremo ti piacerà! Comunque grazie di questa prova.” Rispose lui, oramai convinto che l’avremmo fatto .Devo dire che la situazione stuzzicava anche me con quel suo continuo dire .” Vedrai che ti piacerà farlo , ne resterai soddisfatta, proviamo! Provare una volta non costa niente ,sarà solo un’esperienza .Noi ci amiamo!”

Programmò tutto lui per un pomeriggio in un appartamentino che aveva il suo amico a disposizione per il suo lavoro. Arrivammo e salimmo ,non avete idea di come mi sentivo, lui era dentro che ci aspettava. Imbarazzo e vergogna che non vi dico ,mi venne subito voglia di andarmene , ma poi restai. Dopo esserci seduti sul divano bevemmo qualcosa e parlammo ,lui mi sorrideva sempre , ma io non ricambiavo e chiacchierava con mio marito .All’improvviso mio marito mi sussurrò: “Vieni!” Mi prese per mano e lo segui ,portandomi nella camera da letto . Quando entrammo nella stanza, ero in tachicardia. Chiesi a mio marito se era ancora deciso e alla sua affermazione positiva ,mi rassegnai , lo facevo solo per lui,per farlo contento , so che ci teneva molto fare questa esperienza. Poco dopo, entrò anche il suo amico e gli domandai di creare la penombra almeno,cosa che fece spegnendo la luce, ma con il chiarore che entrava da fuori , ci vedevamo benissimo , altro che privacy . Mio marito mi spogliò finchè fui nuda completamente, mentre il suo amico mi guardava in silenzio. Spogliatosi anche loro nudi , ho guardato negli occhi mio marito, ero terrorizzata ed eccitata al tempo stesso,tremavo dalla tensione. Mi fece stendere sul letto e iniziò ad accarezzarmi il corpo e baciarmi , mentre l’amico fermo ai piedi del letto ci osservava : ” Stai tranquilla!” Mi sussurrò mio marito:” Non c’è nessun pericolo.” E iniziai a ad eccitarmi anch’io mio malgrado ,e mentre l’amico guardava .

A un suo cenno si avvicinò ,mentre mi metteva a gambe larghe e partecipò alle carezze in tutto il corpo , alternandosi tra loro sulle cosce , addome e le mammelle .Mi piaceva essere accarezzata ,ma morivo di vergogna davanti a quell’uomo , mi rendevo conto che non aveva nulla a che fare con noi ,la nostra intimità,la nostra vita e mi sentivo stupida. Quando mio marito toccandomi nel sesso con le dita sentì che ero bagnata mio malgrado, sorrise , smise di accarezzarmi e mi venne sopra. Mi penetrò come faceva a casa, senza preservativo, iniziando subito a possedermi con foga, era eccitato come me e nonostante tutto provavo piacere ad essere lì . Intanto il suo amico vicino a noi continuava ad accarezzarmi . Dopo parecchi minuti di ardore si fermò , si tirò su e lo sfilò da dentro la vagina dicendomi : ” Ora un po’ lui.” Mi vennero i brividi , mi vergognavo da morire,avrei voluto dire no , ma chiusi gli occhi per non vederlo ,e sentii il suo corpo profumato sopra e contro al mio , toccarmi il sesso con le dita e poi … poi sentii il suo glande appoggiarsi e premere sempre più forte entrando in me e nel sentirlo penetrarmi , sussultai , aprii gli occhi e lo guardai in viso ed era li sopra di me , di fronte al mio che sorrideva . Mi inarcai d’istinto alla penetrazione tenendomi alle sue braccia tese. Lo sentii dentro , avverti subito la differenza con mio marito ,il suo amico mi riempiva tutta la vagina e lo sentii iniziare a muoversi lentamente , con dolcezza. Cominciai da subito a godere con lui, che accompagnandomi con le sue mani mi fece riappoggiare la schiena al lenzuolo, accarezzandomi il viso e i capelli. Sentivo il piacere dentro me aumentare , ma volevo controllarlo ,come a volte facevo con mio marito , bloccarlo ,non farglielo sentire e soprattutto mi vergognavo di mio marito che mi guardava con lui. Ma non ci riuscii ,chiusi gli occhi e li riaprii e rividi sopra me ancora la sua faccia, non quella di mio marito ,ma del suo amico .Non riuscivo a crederci che lo avevo fatto ,e gemetti , anche forte e iniziai ad ansimare e cercando di essere distaccata, distante e passiva tolsi le braccia da lui e li portai tese lungo il corpo a fianco a me ;ma il piacere che provavo mi portò con le dita a prendere e stringere il lenzuolo sotto di me, tirandolo forte con rabbia e tensione,mentre godente emettevo dei monosillabi prolungati di piacere :” Aaahhh!!” Ahh!!” Aaahh!!” Ritmici e fuori controllo.

Quel suo amico mi stava possedendo , mentre lui li vicino guardava in silenzio vedendomi godere e forse provando gelosia. Lo sentivo dentro tutto , arrivarmi all’utero batterci contro facendo diffondere alla pelvi un forte piacere sotto forma di calore istantaneo . All’improvviso abbasso il capo e mi baciò sul viso , poi le labbra e infine in bocca infilando la lingua, senza nessuna resistenza da parte mia, ma anzi incoscientemente ricambiato da me. D’istinto lo abbracciai e spinsi il bacino verso lui perché m penetrasse di più ,e per reazione lo cinsi ai fianchi tra le mie gambe ,godevo , lo stringevo e forse graffiavo sulla schiena ,non so! Finchè tirai un urlo di piacere forte e lungo raggiungendo l’orgasmo e scuotendomi tutta: “Aaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhhhhhhh!!!!!!!!” Gemetti in un lungo e liberatorio suono, diventando nell’abbraccio una cosa sola con lui , due corpi avvinghiati ,una carne unica e penso che fu quello a muovere mio marito ,forse geloso ,non so se pentito di avermi offerta a lui , ma senz’altro dispiaciuto di vedermi godere in quel modo anima e corpo con il suo amico , che disse battendogli sulla spalla :” Adesso me !” Ma dovette ripeterlo perché ci mettemmo qualche secondo a staccarci soprattutto per causa mia che lo abbracciavo e lo tenevo stretto.

Lui si tolse da sopra mentre io ansimante non avrei voluto e lo guardavo in piedi che mi osservava pieno di desiderio e rividi e risentii mio marito venire sopra e penetrarmi di nuovo , oramai bagnata di umori procuratemi dal suo amico ,ed avvertii ancora e subito la differenza tra lui e il suo amico,il suo modo di fare,di accarezzare , di possedermi , di baciarmi ,era tutto diverso . Venne anche mio marito tirandolo fuori ed eiaculando sul fazzolettino , io ero già venuta e godevo ancora del riflesso del piacere datomi dal suo amico che si finiva masturbandosi . Poi mio marito si alzò e sorridendo si mise a parlare con lui , mentre ero ancora a letto . Lui mi guardava e sorrideva , abbozzai una specie di sorriso anch’io , poi presa dalla vergogna mi alzai prendendo la biancheria e i vestiti e andai di corsa in bagno a lavarmi e a vestirmi .

Uscii che ero già pronta e andò mio marito in bagno e in quel momento restammo soli io e il suo amico : “ Mi è piaciuto farlo con te sai , oltre che bella sei calda .!” Disse facendomi arrossire , ma soprattutto mi colpì la frase seguente:” Hai acceso il desiderio in me…” E mi diete un bacio sulle labbra.

Quando tornò mio marito andò lui e poi uscimmo , andammo in un bar a prendere un caffè guardandoci furtivamente, io sfuggendo il suo sguardo per la vergogna e l’imbarazzo di quello che avrebbe pensato di me . Ci salutammo e tornammo ognuno a casa propria.

La storia finì lì , anzi sarebbe finita lì , con mio marito rimasto contento del rapporto a tre ,ma manifestandomi senza motivo l’intenzione di non volere più rifarlo, dicendomi solo: ” Abbiamo avuto una esperienza a tre ora basta!” Quel basta forse era dovuto al fatto che vedendomi godere con il suo amico fu preso dalla gelosia, non chiedendomi nemmeno se mi era piaciuto tanto era eloquente ,ne fatto altri commentia proposito la mia pertecipazione il mio piacere . Ma io ora sono in crisi , non posso fare a meno di pensare al suo amico. Lui è stato bravo e molto virile. Mi è piaciuto farmi possedere da lui e mi ha talmente tanto conquistata che vorrei rifare di nuovo sesso con lui, ma senza mio marito.

Non so cosa mi sia successo , se mi sono innamorata del suo amico ,so solo che ora lo penso e lo vorrei ancora ,penso a lui durante il giorno ,credo di non poterne più fare a meno. Quell’incontro , ha risvegliato e innescato in me una sorta attrazione e passione che non avevo mai conosciuto prima e che ora non so come gestire. Ripeto vorrei rifarlo con lui , ma da sola però senza mio marito. Lui non sa di questo desiderio , lo ferirei se glielo comunicassi .So che in questo caso se avverrebbe non sarebbe più una trasgressione ,ma un tradimento , ma lo vorrei tanto … . Una notte che mio marito dormiva dal suo cellulare ho preso il numero di lui , vorrei telefonargli , chiamarlo,dirgli che vorrei incontrarlo ancora da sola , ma ho paura che pensi male di me .E se mi dicesse di si? Che mi incontrerebbe anche da sola? So già che accetterei e farei sesso o l’amore con lui tradendo carnalmente e sentimentalmente mio marito.

Mio marito si è tolto il desiderio di una sua fantasia ed è ritornato per ora alla sua normalità di marito , ma io? Io no! Sono distrutta dentro,sto combattendo con me stessa per non chiamarlo al telefono con il desiderio di perdere… e farlo , chiamarlo e rifarlo con lui.

Non so come finirà , aiutatemi , forse tra qualche mese scriverò il proseguo ma ho paura .

Francesca.